Il Dipartimento ENERGIA (DENERG) è la struttura di riferimento dell’Ateneo nelle aree culturali che affrontano i temi dell’energia e dello sviluppo sostenibile con l’obiettivo di migliorare le tecnologie energetiche esistenti, di promuoverne di nuove e di contribuire all’uso razionale e consapevole delle risorse energetiche.
Il DENERG promuove, coordina e gestisce la ricerca fondamentale e quella applicata,la formazione, il trasferimento tecnologico e i servizi al territorio con riferimento agli ambiti delle macchine a fluido, dei sistemi energetici, della combustione, della fisica tecnica industriale e ambientale, della fisica dei reattori nucleari e dei plasmi, degli impianti nucleari, dell’elettrotecnica, delle macchine e degli azionamenti elettrici, dei sistemi elettrici per l’energia, delle proprietà termo fisiche ed elettromagnetiche dei materiali, dell’illuminotecnica e dell’acustica.

Focus

Progetti

In questa sezione vengono presentati i progetti di ricerca competitiva e su committenza di rilevante interesse per il Dipartimento Energia

Novità e segnalazioniFeed RSS

24 June 2020

REMOTE has won the Innovation prize at the 2020 EUSEW Awards.

It has been recognised as one of the most outstanding projects for its innovation in the sustainable energy sector. It supports remote communities in Europe to become self-sustainable.

Bruxelles

26 June 2020

Thermodynamic approach able to forecast the time of maximum diffusion of the epidemics validated by DENERG bio-thermodynamic group

DENERG bio-thermodynamic group proposed in a scientific paper a thermodynamic approach able to forecast the time of maximum diffusion of the epidemics. The paper is a result of the collaboration with the Harvard Medical School

Screenshot of the event
30/06/2020

Martina Capone, PhD student @DENERG wons the Third Prize at DHC+ Student Awards 2020

3rd place – Martina Capone (top right on the photo) from Politecnico di Torino (IT) with her research on “Integrated demand-side and production optimization of complex district heating and cooling networks”